A Pesaro il Cda dell’Associazione Forestale Italiana. Soddisfazione per nuova legge sui boschi

Nei giorni scorsi a Pesaro, nella sede di Confindustria Marche Nord si è tenuto il Consiglio di Amministrazione di AFI, Associazione Forestale Italiana, per discutere rilevanti temi d’attualità, come la recente entrata in vigore del Testo Unico Forestale e i prossimi appuntamenti che attendono l’Associazione, che quest’anno celebra i 70 anni di attività.

“Sono passati settant’ anni da quando è stata fondata AFI – spiega il presidente Andrea Negri. La nostra è l’associazione di chi vive e opera per il bene delle foreste. Per questo oggi  sono fiero dell’introduzione della nuova legge forestale, che rappresenta un importante traguardo . ”

Secondo Negri “la situazione del bosco italiano non è rosea,  e sono ancora tante le zone abbandonate e lasciate a loro stesse. Dobbiamo impegnarci a cambiare questo quadro.  ”.

Proprio la recente approvazione del Testo unico in materia di foreste e filiere forestali, la nuova disciplina organica per la valorizzazione del patrimonio boschivo e forestale nazionale, in vigore dal 5 maggio 2018  ha incontrato la piena soddisfazione di tutti i membri del Consiglio di amministrazione : il Direttore Generale Nicola Orsi, il Vicepresidente Luigi Iavarone, i Consiglieri Alessio Gnaccarini, Davide Giovati, Fabio Simonella, Marco Vidoni e Il Presidente del Consiglio dei Revisori Roberto de Martin. Dal canto suo Gnaccarini , direttore generale Cosmob , sottolinea “l’importanza assegnata al nostro territorio dall’ Associazione Forestale Italiana che ha scelto la città di Pesaro per l’organizzazione del Cda.  Un’ attenzione che porta con sé un forte messaggio di sensibilizzazione sull’importanza degli alberi e dei boschi come patrimonio sociale e culturale anche per i nostri territori” .

Commenti

Comments are closed.