Cura dei tumori. A Pesaro entra in funzione il primo “Accelleratore lineare” per trattamento radioterapico

Installato all’ospedale di Pesaro un nuovo e avanzatissimo macchinario per la cura e il trattamento radioterapico dei tumori. Si tratta di un “Accelleratore lineare” che consente, attraverso la metodica della stereotassi, l’erogazione di una dose di radiazioni elevatissima a tumori di piccole dimensioni ( inferiori ai 5 centimetri ), preservando nei pazienti i tessuti sani circostanti, come nelle neoplasie cerebrali, fegato, polmone e pancreas. Consegnato nel novembre scorso, installato e collaudato a dicembre, l’Accelleratore è costato 3 milioni di euro. Ieri, 26 marzo, è stato attivato clinicamente a beneficio del primo primo paziente , un malato con tumore alla prostata. “Tutto ciò è reso stato possibile in tempi brevissimi – spiega la direttrice dell’Asur Marche Nord, Maria Capalbo- grazie a un grande lavoro di squadra tra le diverse professionalità coinvolte: amministrativi, ingegneri, fisici, tecnici, infermieri, radioterapisti. La nuova installazione – aggiunge – consente di completare le tipologie di trattamenti radioterapici che la nostra azienda sanitaria potrà offrire ai cittadini, oltre a quelle già disponibili, quali IMRT, IGRT, VMAT.”

Commenti

Comments are closed.