“La mia scuola a rifiuti zero”. Parte ad Ascoli un progetto per la cultura del riuso e l’economia circolare

L’Associazione Marche a Rifiuti Zero, con il patrocinio del Comune di Ascoli Piceno ha realizzato un progetto scolastico per diffondere la cultura della riduzione dei rifiuti, del riuso e del riciclo e illustrare il pacchetto europeo sull’economia circolare.

Il programma si rivolge ai bambini della scuola primaria delle classi quarta e quinta e prevede momenti di formazione e informazione su prevenzione dei rifiuti, raccolta differenziata e lotta agli sprechi alimentari.

“Lo scopo – si legge in una nota dei promotori dell’iniziativa – è far prendere coscienza ai ragazzi della crisi ambientale del nostro Pianeta e della necessità di partecipare alla sua risoluzione da cittadini consapevoli e attivi, a vantaggio della salute della Terra e dei suoi abitanti. Far conoscere la Strategia rifiuti zero.

I principali contenuti delle lezioni riguardano: La nostra Madre Terra e la sua conservazione. I cambiamenti climatici. Le risorse del pianeta. Crisi globale e locale dei rifiuti. La situazione della Provincia di Ascoli Piceno. La Strategia rifiuti zero e i 10 passi di Rossano Ercolini, autore del libro “Non bruciamo il futuro” e vincitore del Goldman Environmental Prize, il maggior riconoscimento mondiale sui temi della sostenibilità e dell’ambientalismo. ” Eppoi la raccolta differenziata dei rifiuti , le buone pratiche e soprattutto l’economia circolare come nuovo modello integrato di produzione, distribuzione e consumo. In programma anche l’attuazione di progetti per realizzare “buone pratiche a scuola e a casa” e  la visita  agli impianti di trattamento e recupero dei rifiuti di Relluce e Spinetoli “per vedere da vicino dove vanno a finire i rifiuti che loro hanno pazientemente differenziato e quanto è importante il loro impegno verso l’ambiente.”

Commenti

Comments are closed.