Appignano del Tronto, alla Primaria si fa scuola di recupero dei rifiuti

Ascoli.- L’associazione “Marche a Rifiuti Zero” √® tornata nel Comune di Appignano del Tronto (Ascoli) per incontrare tutti i bambini della locale Scuola Primaria.¬†¬†In prima elementare si √® parlato di rifiuti e di come produrne il meno possibile per salvaguardare il nostro pianeta.¬†¬†¬†Ci√≤ √® realizzabile lasciandosi ispirare dalle parole chiave dell’economia circolare: ridurre, riutilizzare (anche in modo creativo), riparare, riciclare, riprogettare, donare.

¬†Inoltre molto importanti sono l’utilizzo e la scelta di prodotti con imballaggi in carta, alluminio, vetro al posto della plastica e di materiali durevoli al posto di quelli usa e getta.¬†Nelle altre classi invece si √® parlato di spreco alimentare. Nella scuola √® gi√† attivo il Mercoled√¨ della frutta per privilegiare il consumo della frutta fresca di stagione durante l’intervallo scolastico, almeno un giorno a settimana.

” Apprendiamo che nel mondo – ricorda l’associazione- un terzo del cibo viene sprecato .¬† In Italia il rifiuto maggiormente prodotto nelle nostre case √® l’umido dove gettiamo prevalentemente frutta e verdura.¬†¬†Quando sprechiamo cibo sprechiamo anche le risorse utilizzate per produrre, trasformare, trasportare e conservare quell’alimento: acqua, terreno, nutrienti, denaro, energia, carburante.

¬†¬†Per invertire la rotta – aggiunge Marche a Rifiuti Zero- possiamo attuare diversi comportamenti virtuosi: comprare meno e spesso, fare la lista della spesa, richiedere la family bag al ristorante, congelare gli avanzi o utilizzarli nella cucina di recupero, imparare ad usare meglio il frigorifero, non seguire alla lettera la data di scadenza, usare l’app Too Good To Go per comprare gli invenduti a prezzi vantaggiosi, donare cibo.”¬†¬†¬†Ad Appignano del Tronto in prima elementare si sta realizzando un libricino sull’ecologia e l’educazione ambientale.

Commenti

Comments are closed.