Ancona dice no a via per Stefano Cucchi : Sinistra Italiana protesta

Ancona.- Due anni fa ad Ancona il consigliere comunale di Altra Idea di Città, Francesco Rubini, aveva presentato una mozione per intitolare un luogo, via o piazza, alla memoria di Stefano Cucchi, giovane morto durante un confronto con i carabinieri il 22 ottobre 2009.  Ieri, al primo consiglio comunale in presenza, si è sentito rispondere di no da 22 consiglieri su 27. Due sono stati gli astenuti e due i voti che hanno appoggiato la sua mozione, provenienti da Cinque Stelle e Gruppo Misto.

In sostanza centro sinistra e centro destra si sono ritrovati uniti – sostiene in una nota Sinistra Italiana Marche . Noi non ci limitiamo a criticare fortemente le forze progressiste presenti in consiglio per avere negato il loro appoggio, ma rileviamo una incapacitĂ  di lettura della realtĂ  da parte delle forze al governo della cittĂ . Quando una cittĂ  che si è proposta come Porta d’Oriente, CittĂ  Interculturale, dichiara attraverso i suoi rappresentanti che i luoghi pubblici debbono essere intitolati a “personaggi che si sono particolarmente distinti”, dimostra di non saper leggere le involuzioni della societĂ . Stefano Cucchi, con Federico Aldrovandi e tanti altri – aggiunge Sinistra Italiana – è la vittima di scontri con Forze dell’Ordine che non hanno imparato a relazionarsi con il disagio giovanile e la solitudine.

Se il coraggio dei tanti genitori e dei tanti avvocati è riuscito in alcune occasioni a far affiorare la veritĂ ,  un riconoscimento alle indicibili sofferenze di questi ragazzi e delle loro famiglie non andrebbe considerato dovuto? Come Sinistra Italiana vogliamo ricordare che le iniziative che hanno permesso alla cittadinanza di  conoscere le famiglie Cucchi, Aldrovandi ed altre, furono affollatissime, e che la presenza della cittadinanza non poteva essere racchiusa in una sigla o in una ideologia, ma in tante umanitĂ . Perchè allora non saperle riconoscere, e rifarsi alla retorica del cittadino che ha dato onori alla cittĂ ?”

Commenti

Comments are closed.