Migranti della nave Diciotti attesi ad Ascoli. Il Vescovo D’Ercole : Ce l’ha chiesto la CEI

“La diocesi di Ascoli intende precisare che la propria attività di solidarietà è universale ed è rivolta alle persone che si trovano in difficoltà senza distinzione di razza nazionalità e provenienza.” E’ quanto tiene a sottolineare il Vescovo del capoluogo marchigiano Giovanni D’Ercole, confermando la disponibilità della Diocesi picena ad ospitare alcuni migranti africani sbarcati dalla Diciotti, la nave della Guardia Costiera da giorni bloccata nel porto di Catania per il braccio di ferro tra il Ministro dell’Interno Matteo Salvini  ed altri settori delle istituzioni e della politica italiana, oltre che della Commissione europea ( organismo che,  come nel passato ha  ignorato le richieste italiane di collaborazione pervenute dal Governo Conte )  .  “ A seguito dell’intervento della CEI , peraltro apprezzato dall’ Autorità italiana che ha ringraziato e chiesto sostegno diffuso – afferma mons. D’Ercole – è apparso doveroso mettersi a disposizione della Conferenza Episcopale esclusivamente nei limiti delle proprie possibilità e senza sottrarre risorse alle persone bisognose del territorio. E ciò – prosegue il Vescovo di Ascoli – solo ed esclusivamente sino a quando le istituzioni non avranno chiarito la posizione di ciascun immigrato proveniente dalla “Diciotti” e non si sia accertato il singolo diritto soggettivo a permanere o meno nel territorio dello Stato nel pieno rispetto delle norme che presiedono all’ingresso ed al soggiorno.” Dalla nave sono sbarcati 137 immigrati. La Cei dovrebbe farsi carico di un centinaio di essi. Il resto dovrebbero invece essere trasferiti in Irlanda e ….in Albania. Per la vicenda della Diciotti il vicepremier Salvini e un funzionario del Viminale sono indagati per sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio.  Non è difficile prevedere, come già accaduto nelle settimane scorse che un altro caso Diciotti potrebbe ripetersi in breve tempo. Fino a quando da un lato non si fermerà  il lucrosissimo traffico di esseri umani proveniente dalla Libia , e dall’altro i paesi dell’Unione Europea non troveranno un accordo vero sulla gestione del flusso migratorio. Superando il Trattato di Dublino così come richiesto  dal Governo italiano.

Commenti

Comments are closed.