Il Saggiatore sceglie Ascoli per il Festival “Cos’è la cultura” , dal 1 giugno

Ascoli Piceno 22 maggio.-Edoardo Boncinelli, uno dei più importanti genetisti italiani, che discuterà del “male” nella storia dell’uomo. Ma anche lo scrittore Andrea Esposito, che nel 2017 è stato finalista al Premio Calvino con il suo racconto “Voragine”, e che parlerà con Damiano Scaramella di cos’è e come nasce un libro. Eppoi il noto radiocronista sportivo Riccardo Cucchi, voce per 30 anni di “Tutto il calcio minuto per minuto”, ospite nella serata della finale di Champions League ( 1 giugno), e ancora il musicologo Jacopo Tomatis che tratterà il tema della canzone italiana nella storia sociale del nostro Paese, insieme a Gigi Giancursi.

E questi sono solo alcuni degli ospiti del Festival “Che cos’è la cultura” organizzato ad Ascoli dalla storica casa editrice “Il Saggiatore” di Milano in collaborazione con la libreria di Rinascita, e che si terrà in diversi luoghi della città il 1 e il 2 giugno prossimi. L’obbiettivo è quello di discutere ma anche intrattenere di cultura e di attualità a 360 gradi i lettori, gli appassionati e tutta la cittadinanza, spaziando dalla scienza alla medicina, dallo spettacolo allo sport.

Nata nel 2016 a Milano per festeggiare la pubblicazione del millesimo volume della collana “La Cultura” la manifestazione promossa da Il Saggiatore per la prima volta si svolge fuori dal capoluogo lombardo, coinvolgendo i propri autori, le librerie e i luoghi di maggiore rilevanza artistica e storica di una città antichissima come Ascoli. Anche per questo gli incontri saranno tenuti oltre che alla Rinascita, al Caffè Meletti, al Chiostro di Sant’Agostino, all’Auditorium Carisap e alla Bottega del Terzo Settore, in collaborazione con associazioni, fondazioni ed esercizi commerciali.

Una bella e originale iniziativa insomma, che vedrà anche la realizzazione di workshop di scrittura coordinato da Damiano Scaramella, aperto ai giovani e che si svolgerà nei promeriggi del 1 e 2 giugno. Il Festival, che il 2 giugno vedrà anche l’intervento del vice caporedattore del Corriere della Sera, Roberta Scorranese che insieme a Costantino Di Sante, direttore dell’Istituto di storia del movimento di liberazione approfondiranno la terza pagina di un giornale – oltre che il fotografo Alberto Giuliani , il primo del mese sul tema del futuro – è stato presentato oggi da Giorgio Pignotti, titolare della principale libreria ascolana, Eleonora Tassoni e Irene Zucco, responsabile grafica dell’Ufficio comunicazione del Saggiatore. Che cos’è e a cosa serve la cultura ? Anche a dare un futuro diverso ad una città stupenda ma imbalsamata come Ascoli, rimasta per tanti aspetti ferma al suo glorioso passato.

Commenti

Comments are closed.