Sanzioni alla Russia penalizzano Italia e Germania : incontro a Osimo

Osimo (An).- “Le sanzioni, al momento, nuocciono prevalentemente ¬†all’Unione Europea e soprattutto alla Germania e all’Italia che rappresentano, rispettivamente il 5,3 e il 2,2 della manifattura mondiale . “
Lo afferma l’analista di fama ¬†internazionale ¬†Demostene Floros (Centro Europa Ricerche) che gioved√¨ 10 novembre, dalle 21, ¬†sar√† a La Fonderia di Osimo nell’ambito della ¬†prima rassegna di Storia e geopolitica delle Marche “Kronokermesse!”. Al centro della discussione i temi del testo “Crisi o transizione energetica. Come il conflitto in Ucraina cambia la strategia europea per la sostenibilit√†”.
“Quand’anche fosse bloccata la speculazione, fattore che sarebbe senza dubbio positivo- sostiene Floros- tuttavia ¬†l’incremento dei prezzi rimarrebbe ¬†estremamente preoccupante, poich√© i costi per l’energia ¬†risulterebbero comunque ¬†pi√Ļ che decuplicati rispetto a quanto pagavamo un anno e mezzo o due anni fa. A questi prezzi la nostra manifattura e le famiglie che devono pagare le bollette non resistono. Quindi noi rischiamo un processo di deindustrializzazione del Paese e del resto d’Europa che potrebbe coinvolgere ¬†anche quelle regioni ¬†il cui tessuto produttivo √® composto di piccole e medie imprese come, ad esempio, ¬†le Marche”.
Commenti

Comments are closed.