Nasce Comitato Marche per l’Albania colpita dal sisma

Ancona 16 dicembre.- Promuovere sul territorio marchigiano ogni attività funzionale alla elargizione di aiuti umanitari, materiali e morali a favore della popolazione albanese colpita dal sisma del 26 novembre che si è poi protratto con altre scosse nei giorni successivi. E’ lo scopo del Comitato Marche per l’Albania che si è costituito con apposito Statuto il 13 dicembre scorso grazie all’iniziativa di nove sottoscrittori e con il sostegno della Regione Marche che è anche sede dell’associazione.

I nove sottoscrittori sono: Camillo Catana Vallemani commercialista; Lindita Elezi infermiera e Commissaria Pari Opportunità Regione Marche; Ervin Ibrahimi responsabile attività cliniche e assistenziali per la Azzeruolo e rappresentante unico general counsel della Klik Ekspo Group Albania in Italia; Agur Mucaj operaio; Stefano Pompozzi consulente; Matteo Rossi avvocato e Console onorario di Albania ad Ancona;  Saverio  Sabatini avvocato; Fabio Sturani consulente; Pamela Trisciani impiegata.

“Questa iniziativa – ha spiegato questa mattina a Palazzo Raffaello, nel corso di una conferenza stampa, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli – è innanzitutto una “restituzione”: abbiamo ricevuto tantissime donazioni in questi tre anni dal sisma sia dall’Italia che dall’estero. Questi contributi sono stati sicuramente un aiuto economico, ma ancor di più sono stati un segno di amicizia e vicinanza di un valore enorme non misurabile in euro. E’ quindi importante fare lo stesso per chi oggi vive un dramma simile a quello che abbiamo vissuto e continuiamo a vivere nelle Marche. Il secondo aspetto – ha aggiunto Ceriscioli- riguarda il rapporto con l’Albania nell’ambito della Macroregione Adriatica, un grande progetto per unire tutti i Paesi che si affacciano sull’Adriatico che festeggerà il ventennale nel 2020. In particolare le relazioni dell’Albania con l’Italia sono straordinarie perché questo popolo ha una propensione fortissima nei nostri confronti, in tanti parlano italiano o lo capiscono,  e insieme possiamo costruire veramente tanto a vantaggio di entrambe le nostre comunità”.

Dal canto suo il presidente del  Comitato Marche –Albania, Camillo Catana, ha affermato “che il giorno del terremoto si trovava per lavoro in Albania e che è oggi  tra i maggiori promotori dell’iniziativa – è libero, apartitico e senza fini di lucro. Lo scopo è fornire aiuti umanitari, ma anche e soprattutto favorire lo sviluppo di relazioni ed il legame tra i nostri popoli. L’intento è di svolgere in modo durevole, al di là della fase di emergenza, attività benefiche per sviluppare la conoscenza dell’Albania e delle Marche da parte dei rispettivi abitanti con iniziative culturali, ludiche, sportive (basket, partita del Cuore nello stadio di Tirana realizzato da architetti italiani, giornata balli popolari) o di pura beneficenza. L’Albania è una terra straordinaria con grande voglia di crescere sviluppando infrastrutture e turismo e il Comitato ci consentirà di andare a condividere con le istituzioni locali, quindi nella massima serietà, delle iniziative comuni a reciproco beneficio. ”.

Possono far parte del  Comitato tutti i cittadini italiani e stranieri che ne facciano richiesta purchè residenti sul territorio nazionale. Gli associati hanno il diritto di partecipare alle attività del Comitato proponendo attività funzionali al raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

Commenti

Comments are closed.