A Pesaro un Natale tra mostre e musei aperti

Pesaro. In occasione delle festività natalizie, la città di Pesaro offre un ricco pacchetto di cultura fra musei, monumenti ed eventi espositivi molto interessanti.

Fino al¬†9 gennaio¬†tornano infatti le aperture straordinarie tutti i giorni compreso il luned√¨, a¬†Palazzo Mosca – Musei Civici¬†(piazza Mosca 29),¬†Museo Nazionale Rossini¬†(via Passeri) e¬†Casa Rossini¬†(via Rossini 34). Nel weekend sono aperti la¬†Domus¬†di via dell’Abbondanza e¬†la¬†Sonosfera¬ģ¬†che dal 24 dicembre propone in anteprima il¬†nuovo programma dedicato a Raffaello¬†messo a punto per il quinto centenario della morte del Divin Pittore, che verr√† presentato ufficialmente il 14 gennaio prossimo.¬†Proseguono le visite guidate (marted√¨, gioved√¨ e sabato) a¬†Palazzo Ducale in via eccezionale tutte con una durata di un’ora mezza.

Scelta ghiotta anche per le¬†mostre. Da non perdere ai Musei Civici¬†“Rembrandt incisore”¬†a cura di Luca Baroni con pi√Ļ di 100 opere di un classico dell’arte grafica per la prima volta a Pesaro e nelle Marche. L’allestimento si snoda abbinando cromatismi diversi per ogni tema: la presentazione dell’artista, la rappresentazione del corpo, la serie dedicata alla Notte, le scene dell’Antico e Nuovo testamento che costituiscono il nucleo pi√Ļ rilevante di opere e i ‘Pensatori e artefici’, con alcuni dei capolavori pi√Ļ famosi. Chicca preziosissima, il Faust nello studio, un foglio di tiratura eccezionale da cui la scelta di utilizzarlo come immagine dell’esposizione.

Sempre a¬†Palazzo Mosca, si visita¬†“Pinocchioacquatico”¬†di Luca Caimmi¬†con le tavole del libro¬†Le Avventure di Pinocchio, Orecchio Acerbo (2019), che rilegge il classico di Collodi con una visione molto legata alla terra d’origine dell’illustratore pesarese e al mondo marino. E sono proprio gli esseri del mare nati dalla mano di Caimmi a creare il legame con ‘De piscibus’, la seconda sezione del progetto accolto alla¬†Biblioteca Oliveriana. Qui sono espositi gli schizzi del libro di Pinocchio ma anche i disegni con cui l’artista interpreta le tavole del¬†De piscibus¬†di Ulisse Aldrovandi (1522-1605) e di¬†Aquatilium animalium histori√¶¬†di Ippolito Salviani (1514-1572), due trattati scientifici davvero notevoli di cui l’Oliveriana conserva edizioni storiche.

Al Museo Nazionale Rossini prosegue l’esposizione¬†“ROF 15K. La libert√† dello sguardo nell’immaginario visivo rossiniano”¬†a cura del Rossini Opera Festival, proposta davvero originale per ripercorrere la storia gloriosa dell’unico festival al mondo dedicato a Rossini, genio di Pesaro.

Doppia proposta per il contemporaneo, al¬†Centro Arti Visive Pescheria¬†la¬†“Mostra fotografica” di Stefano Graziani¬†costituisce il terzo capitolo – dopo “Qualsiasit√†” del 2017 e “Le forme del tempo” del 2019 – di un ciclo di dialoghi per immagini a cura di Alessandro Dandini de Sylva. Per Graziani (Bologna, 1971) la ricerca fotografica √® strumento di catalogazione, narrazione e reinterpretazione. Nell’originale allestimento di studio baukuh, esposte opere di periodi diversi.¬†Allo¬†spazio bianco¬†di via Zongo 45 fino al 9 gennaio,¬†‘Proiezioni. Giuseppe Tomasello‘ a cura di Lorenzo Fiorucci.

Nell’offerta museale anche il¬†Museo Officine Benelli¬†(via Mameli) simbolo di una tradizione eccellente della citt√† ‚Äď quella di piloti e motori -, e¬†Palazzo Ciacchi¬†(via Cattaneo) con il percorso espositivo di dipinti e ceramiche provenienti dai depositi museali: la sede di Confindustria Pesaro Urbino √® aperta il quartogioved√¨ di dicembre.¬†¬†Al Museo della Marineria Washington Patrignani di¬†Villa Molaroni (viale Pola 9) si va alla scoperta della storia della citt√† dal punto di vista della gente di mare.

Spostandosi nel cuore del¬†Parco San Bartolo ¬†si incontrano¬†l’area archeologica e l’antiquarium di Colombarone (strada San Cristoforo 136) per un viaggio nella storia pi√Ļ antica del territorio.

foto di luigi angelucci : Museo nazionale Rossini

Commenti

Comments are closed.