Confidicoop Marche, intesa con Simest per sostenere imprese all’estero

Ancona 3 dicembre.- Agevolare la crescita delle imprese all’estero. E’ l’obiettivo della nuova convenzione stipulata tra Confidicoop Marche e Simest- la società italiana che sostiene gli investimenti esteri delle aziende e che è parte del gruppo Cassa Depositi e Prestiti. L’intesa è operativa grazie alla delibera del Comitato Agevolazioni di Simest per il rilascio delle garanzie su finanziamenti agevolati a valere sul Fondo Rotativo di cui alla Legge 394/81 per l’internazionalizzazione.

Con essa Confidicoop Marche diviene uno dei pochi confidi vigilati ad avere il riconoscimento di Simest per operare, attraverso il rilascio di specifiche garanzie bancarie, con i finanziamenti agevolati dallo Stato italiano per affiancare le PMI nei loro progetti produttivi e commerciali in altri Paesi.

“L’ammissione ad operare in convenzione con SIMEST è un altro tassello nei nostri programmi di sviluppo – afferma il Presidente di Confidicoop Marche, Giovanni Bernardini ( nella foto). Siamo nati per aiutare ad acquisire finanziamenti con più facilità, e vogliamo continuare ad essere di utilità del sistema imprenditoriale seguendo tutte le piste possibili ed utili per le aziende”.

Dal canto suo il Direttore generale Emanuela D’Angelo spiega come, adesso “ come struttura tecnica, si potranno attivare tutte le misure necessarie, sia di competenze che di strumenti tecnici e finanziari per affiancare e sostenere le PMI, offrendo supporto all’internazionalizzazione con finanziamenti agevolati su misura per i progetti messi in cantiere”.

Dunque per Confidicoop Marche, una nuova sfida che ne amplia gli orizzonti di azione e di operatività, superando i confini tradizionali per accompagnare le Pmi anche in progetti di penetrazione commerciale in Paesi diversi da quelli delle Comunità Europee, insieme alla promozione   per le società del settore turistico.

Per le imprese sarà così più agevole accedere, con la garanzia di Confidicoop Marche a finanziamenti con abbattimento dei tassi a sostegno dei loro programmi di inserimento nei mercati stranieri. Programmi che abitualmente comportano la realizzazione di strutture commerciali permanenti in Paesi extra UE, finanziamenti per la patrimonializzazione delle PMI esportatrici, per gli studi di fattibilità e di assistenza tecnica collegati a investimenti e per la partecipazione a fiere e mostre nei mercati non comunitari.

La nuova opportunità si inserisce nel quadro complessivo dei prodotti e dei servizi che Confidicoop Marche offre alle imprese per seguirle nelle esigenze di ricorso al credito e nei servizi bancari e di sostegno agli investimenti attraverso incentivi e contributi sia europei che statali e regionali (http://www.confidicoopmarche.it/).

All’intervento storico nella regione , rivolto al settore agricolo e al mondo cooperativo, la società ha affiancato nel corso degli anni una forte vocazione intersettoriale ed interterritoriale, aprendosi a tutti i settori economici e alle altre regioni italiane. Nell’ambito dell’attività caratteristica, la mission del Confidi è quella di agevolare I’accesso al credito dei propri soci alle migliori condizioni di mercato, rilasciando garanzie in favore degli istituti di credito convenzionati su linee di credito a breve, medio e lungo termine.

L’operatività copre tutti i settori produttivi, come pure l’organizzazione territoriale presente in maniera sempre più radicata sui territori di riferimento, anche attraverso intese di collaborazione ed accordi commerciali tra organismi di garanzia fidi.

Le  attività concernono anche servizi integrati di formazione professionale, aggiornamenti obbligatori ed attestati qualificazione professionale, servizi specialistici inerenti a sicurezza, ambiente , igiene alimentare, medicina del lavoro , analisi laboratorio, qualificazione professionale, assistenza presso P.A per problemi di categoria, MEPA, appalti pubblici, progettazione europea per accesso a bandi formazione e bandi investimenti aziendali, innovazione tecnologica, sportello energia per riduzione costi.

Commenti

Comments are closed.