Il belcanto ritrovato, ultimo evento del festival

Montemarciano (An(- Si chiude al¬†Teatro comunale “Alfieri” di Montemarciano¬†il Festival nazionale¬†“Il Belcanto ritrovato”.¬† ¬†Sabato 10 settembre¬†appuntamento con il concerto canto e pianoforte¬†“Il Belcanto marchigiano”, che vedr√† salire sul palco¬†Annya Pinto, soprano;¬†Dave Monaco, tenore;¬†Ramiro Maturana, baritono. Tre giovani solisti che si sono gi√† fatti notare nel panorama della lirica e che sono stati selezionati per questo concerto e altre rappresentazioni dal sovrintendente del Rossini Opera Festival, il¬†M¬į Ernesto Palacio.¬†

Un’occasione per ascoltare musiche di compositori marchigiani del periodo d’oro del Belcanto, eseguite al pianoforte da¬†Claudia Foresi,¬†in uno dei bei teatri all’italiana in miniatura della Regione Marche, non a caso definita la “regione dei cento teatri”.

“Il Belcanto ritrovato”¬†dallo scorso 23 agosto ha messo in scena una farsa, cinque produzioni concertistiche, due conferenze musicali, per un totale di undici appuntamenti in sei suggestivi luoghi tra¬†Pesaro, Fano, Urbino, Arcevia e Montemarciano:¬†teatri, piazze, chiostri e chiese sconsacrate hanno visto la riscoperta di musiche dimenticate di ventitr√© compositori, attivi nel periodo tra il 1800 e il 1850, contemporanei di Gioachino Rossini.

L’obiettivo del Festival √®, infatti, proprio quello di riscoprire, attraverso il recupero di materiali musicali, un patrimonio musicale italiano di straordinario valore.¬†¬†¬†Una delle piacevoli sorprese emerse da questo lavoro di ricerca √® la presenza, nella regione Marche, di un numero cospicuo di tali autori.

Sabato a Montemarciano saranno eseguite pagine degli operisti marchigiani¬†Giuseppe Balducci, compositore originario di Jesi di cui sar√† possibile ascoltare un’aria da¬†“Bianca Turenga”; di¬†Alessandro Nini, nato a Fano, il pubblico potr√† apprezzare un terzetto dall’opera¬†“Odalisa”; e ancora¬†Giuseppe Persiani, che ebbe i natali a Recanati, compositore di¬†“Eufemio da Messina”; di Lauro Rossi, a cui la sua citt√† natale, Macerata, ha dedicato il teatro, saranno eseguiti estratti da¬†“Il domino nero”¬†e¬†“I falsi monetari”; di¬†Gaspare Spontini, compositore nato e morto a Maiolati,¬† si potr√† ascoltare un’aria in dialetto napoletano da¬†“La fuga in maschera”; per finire con Nicola Vaccaj, originario di Tolentino, e il suo¬†“Marco Visconti”.

foto di luigi angelucci

Commenti

Comments are closed.