“Il giuramento degli Anconetani” torna al suo splendore nella Pinacoteca Podesti dopo il restauro

 

Ancona 7 settembre.- E’ tornata oggi al suo splendore nella Pinacoteca Comunale F. Podesti la tela “Il giuramento degli Anconetani”  di Francesco Podesti. La grande opera che è il simbolo di Ancona, e che fu premiata all’Esposizione universale di Londra del 1851 e a quella di Parigi del 1855, è stata restaurata grazie al sostegno della Coop e la collborazione della società Fondaco Italia. A partecipare alla cerimonia del ritorno del capolavoro nella sua sede principale, dopo un intervento durato 8 mesi, sono stati il sindaco del capoluogo dorico Valeria Mancinelli, l’assessore comunale alla Cultura, Paolo Marasca il consigliere di amministrazione di Coop Alleanza 3.0 Antonello Delle Noci e il presidente di Zona soci di Ancona Luigi Giampaoletti. Nel corso dell’evento , l’illustrazione delle fasi tecniche dell’intervento  sono state affidate all’architetto Carlo Birozzi della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti  e Paesaggio delle Marche, al consulente restauratore Carlo Giantomassi e ai restauratori della Tecni.co.r di Roma, Marco Pulieri e Paola Zari.  “Il giuramento degli anconetani” di Francesco Podesti (Ancona 1800 – Roma 1895) ritrae un evento storico del 1173 quando la città, allora Repubblica marinara indipendente, fu posta sotto assedio dalle truppe di Cristiano di Magonza luogotenente di Federico Barbarossa e dalla flotta veneziana sua alleata. L’assedio durò sette mesi nei quali Ancona riuscì a resistere e respingendo il nemico. Il quadro “fotografa” il momento in cui consiglieri, soldati e popolo giurano di resistere fino alla morte.

Commenti

Comments are closed.