“Il virus non ci spaventa”. Ristorante di Camerino rilancia l’attività

Camerino (Mc) 10 marzo.-“E’ vero, siamo montagna: una montagna di dignità e di capacità di reagire”. E’ quanto afferma l’imprenditore di Camerino Carlo Matteucci che come tutti i residenti nel territorio, si ritrova a fare i conti con una nuova emergenza dopo il sisma : quella del Covid19.

Ma ha deciso di non piangere e anzi di rilanciare la sua attività, quella della ristorazione con un nuovo servizio.  “Piangere non fa per noi- spiega il titolare della pizzeria Etoile- anche perché le lacrime le abbiamo finite da tempo. Siamo abituati a rilanciare e lo facciamo anche questa volta, attivando il servizio di consegna a domicilio di tutte le preparazioni presenti nel nostro menù”.

Con grande coraggio e forza di volontà, Matteucci si rimbocca le maniche e si prepara a ripartire. “Il terremoto ci ha fiaccati, ma non ci ha sconfitti – dice. Ora apprendiamo che l’ospedale della nostra città è stato smantellato per accogliere i malati di Covid19. Non entro nel merito della decisione : se serviva è giusto che sia stato fatto, anche se aspettiamo di capire se e quali saranno le garanzie per il futuro delle nostre comunità. Ieri sera poi – aggiunge l’imprenditore – c’è stata anche l’ordinanza del Governo che impone la chiusura alle 18. Anche questa, evidentemente, ha una sua utilità e importanza. Ci adeguiamo a tutto – continua – ma la passività non è l’atteggiamento dei camerti e della gente di montagna. E’ per questo che sin da ieri sera ci siamo attivati per predisporre un servizio di consegna a domicilio da affiancare al normale servizio di asporto.”

Il ristorante di Camerino dunque sarà normalmente aperto a pranzo, nel rispetto di tutte le normative di questa fase di emergenza, poi dalle 18 e fino alle 22 continuerà l’attività garantendo il solo servizio a domicilio.  La forza dei marchigiani è tutta qui. E prima o poi l’allarme per il virus dovrà finire..

 

Commenti

Comments are closed.