Imprese del calzaturiero a caccia di contratti a Mosca

Ancona 23 ottobre.- Quaranta imprese marchigiane sono volate a Mosca, in Russia per partecipare all’Obuv, la Fiera Internazionale delle Calzature e del Cuoio. L’evento, allestito due volte l’anno  e rivolto a buyer e addetti ai lavori provenienti da tutte le regioni della Federazione Russa e da altri Paesi della CSI, quali Bielorussia, Armenia e Kazakistan;

Alla nuova edizione,  in corso fino a domani giovedì 24 ottobre, prende parte una collettiva di aziende, tra cui 6 della pelletteria organizzata da Camera di Commercio e dalla Regione Marche.

A Mosca i nostri imprenditori del fashion hanno presentato le collezioni primavera estate 2020. Con l’OBUV si chiude il calendario fieristico 2019 che ha coinvolto 92 aziende marchigiane in 5 eventi esteri in totale cofinanziati dalla Regione Marche, è stato inaugurato dalla fiera Moda Shoes di Tokyo di luglio ed è proseguito, con il salone CP Mosca, il Tranoi di Parigi e la Moda Shoes di Almaty.

Dichiara il Presidente della Camera di Commercio delle Marche Gino Sabatini  “Sono convinto che l’Obuv sia ancora un evento di grande importanza per il nostro comparto della calzatura, perché si deve continuare a guardare alla Russia, con ancora più concretezza rispetto al passato: da un lato – aggiunge- rappresenta un mercato da non abbandonare nelle mani di cinesi e vietnamiti, e dove le nostre lavorazioni del lusso hanno ancora tanti clienti; dall’altro si rende necessaria una presenza più mirata e prudente dei nostri produttori, visto che non può più essere considerato come unico mercato di sbocco.”

foto: laconceria.it

Commenti

Comments are closed.