La formazione professionale dei nuovi ingegneri, due corsi Univpm

Ancona 4 settembre.- Nel panorama formativo l’Università Politecnica delle Marche offre Corsi di laurea a orientamento professionalizzante con l’obiettivo di fornire competenze che preparino all’attività professionale già al termine dei tre anni di studio.

Parliamo del nuovo corso in “Sistemi industriali e dell’Informazione” con sede a Pesaro e del corso di laurea in “Tecniche della Costruzione e Gestione del Territorio”.

Per entrambi i programmi, le iscrizioni sono ancora aperte- senza dover sostenere il test di ingresso, fino ad esaurimento dei posti disponibili. La Regione Marche mette a disposizione un contributo fino a 4.200 euro a studente per la copertura delle tasse universitarie di iscrizione per l’intero triennio.

Per meglio conoscere le opportunità offerte l’Ateneo dorico ha organizzato il 7 settembre alle ore 11:30 un seminario online dal titolo “La formazione professionale in ambito ingegneristico: mercato del lavoro e qualificazione professionale”. Obiettivo quello di evidenziare le caratteristiche dei percorsi professionalizzanti in area ingegneristica di recente istituzione e condotti in collaborazione tra Università, aziende, società di ingegneria e studi professionali.

“Questi percorsi – spiega l’Università- combinano due anni di solida formazione accademica di tipo ingegneristico con un anno di formazione professionale che si svolge all’interno delle aziende, società di ingegneria, studi professionali, permettendo così un immediato accesso al mondo del lavoro.”

Al seminario parteciperanno Marco D’Orazio Preside della Facoltà di Ingegneria, Diego Mingarelli Vice Presidente Confindustria-Piccola Industria con delega all’Europa, allo Sviluppo e coesione territoriale, Renzo Ballarini Presidente dell’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Ancona e Macerata, Diego Sbaffi Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ancona e i docenti Gabriele Comodi e Michele Serpilli.

Commenti

Comments are closed.