Marche, avviato progetto per contrastare povertà educativa nei minori

Ascoli Piceno 23 dicembre .- E entrato a regime nelle Marche “Next 5-14 – New EXperiences and Tools”, un progetto selezionato nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, promosso dalle Fondazioni di origine bancaria e dal Governo. L’operatività del Fondo, che si traduce nell’erogazione di contributi tramite emanazione di bandi, è stata assegnata all’impresa sociale “Con i Bambini”. Il bando era rivolto alle “nuove generazioni (dai 5 ai 14 anni), un intervallo cruciale per la crescita e lo sviluppo di conoscenza e coscienza, soprattutto all’interno di un sistema sociale e culturale in rapida trasformazione.
Tra i 38 partner che hanno preso parte al progetto nelle tre province di riferimento (Ascoli Piceno, Perugia e Teramo) è coinvolta anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno che, oltre ad aver promosso e sostenuto il progetto nella sua genesi, ne accompagna lo sviluppo supportandone la visibilità, il controllo e la ricaduta sul territorio.
7 istituti scolastici (ISC Borgo Solestà-Cantalamessa – Ascoli Piceno, IC Castel di Lama 1, ISC Cupra Marittima e Ripatransone, IC “G. Leopardi” – Grottammare, ISC Nord – San Benedetto del Tronto, ISC Centro – San Benedetto del Tronto, ISC Sud – San Benedetto del Tronto) sono i beneficiari del progetto: ai ragazzi che le frequentano si rivolgono la maggior parte degli interventi previsti, mentre gli insegnanti sono chiamati a prendere parte ad azioni di formazione e aggiornamento sui temi innovativi, partecipano a momenti di confronto e scambio.
Per tre anni, attività, sperimentazioni e coinvolgimento saranno la palestra per generare e condividere contenuti, conoscenze e metodologie, nell’ottica di sedimentare buone pratiche e sperimentare modelli educativi innovativi e replicabili.

Nello specifico, 7 operatori specialistici (ISTAO – Istituto Adriano Olivetti, ENFAP Marche, Hubilita cooperativa sociale, Il Melograno cooperativa sociale, Prometeo, Unicam, Vademecum cooperativa sociale) si occupano, con il coordinamento di ISTAO, di realizzare le attività previste dal progetto.

Nella foto : Angelo Galeati, presidente Fondazione Carisap

 

Commenti

Comments are closed.