Marche, bando da 30 milioni per i giovani in agricoltura

Ascoli Piceno- Un bando da 30 milioni¬† per sostenere i giovani agricoltori delle Marche. Era atteso da anni, si √® sbloccato grazie all’azione amministrativa della Lega con il vicepresidente Mirco Carloni.¬†Permetter√† ai ragazzi del territorio e non solo di aprire aziende, fare nuovi investimenti ed avere assistenza professionale e tecnica durate il percorso.

“Una misura fondamentale a supporto di un settore che vede sempre pi√Ļ giovani coinvolti ‚Ästdichiara il consigliere regionale della Lega Andrea Maria Antonini, presidente della 3a Commissione Ambiente e Territorio¬†– Prevediamo una misura gemella l’anno prossimo per altri 20 milioni di euro. La scadenza delle domande √® fissata per il 21 dicembre: finanzieremo nuovi insediamenti a partire da 35mila euro e fino a 50mila nel caso vengano realizzati in area montana riconoscendo un contributo medio del 50% sugli investimenti per produzioni agricole, agriturismi ed agricoltura sociale”.

“C’√® voluta un’estenuante trattativa al tavolo politico strategico che ha visto la partecipazione della Regione, delle associazioni di categoria e dei sindacati di settore per il via libera alla misura ‚Ästspiega l’assessore Carloni¬† –¬†¬†Tra gli obiettivi del piano aziendale sono state considerate tutte le produzioni di qualit√†, non soltanto quelle biologiche. Nelle stime degli uffici regionali, saranno circa 150 i progetti finanziati con i fondi europei del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, per il biennio di proroga 2021/2022. In attesa dell’approvazione della modifica del PSR, in cui saranno allocati i fondi assegnati per l’estensione di due anni, √® stato intanto possibile procedere all’emanazione del bando per l’anno 2021″.

“Il bando √® pensato per dare una spinta propulsiva al settore anche attraverso supporto e semplificazione¬† –¬†Prevede infatti formazione e consulenza gratuita nonch√© la rendicontazione ex post, senza bisogno di presentare preventivi (i costi sono stati standardizzati), cos√¨ da semplificare la procedura sia per chi fa domanda che per la Regione nella fase di controllo. I giovani che presenteranno domanda dovranno risultare “agricoltori in attivit√†” entro 18 mesi dalla data della concessione dell’aiuto anzich√© dal momento dell’insediamento. Per la selezione si adotta il criterio per cui i soggetti richiedenti siano in possesso di un titolo di studio e di esperienza maturata nel settore agricolo, anzich√© quello di et√† non superiore ai 30 anni, previsto nei bandi precedenti.

Commenti

Comments are closed.