Pesaro, apre la mostra “Costruttori di Pace”

Pesaro.- Inaugurata a Pesaro la mostra “Costruttori di Pace“, visitabile fino al 29 settembre, nella Sala Laurana di Palazzo Ducale, in piazza del Popolo. L’evento, a cura di Giorgio Tabanelli, è promosso dall’Associazione Arte Cinema Teatro Volontariato in collaborazione con l’Associazione Carlo Bo di Urbino e le Fondazioni Giorgio La Pira e Ernesto Balducci, con i patrocini del Ministero della Cultura e del Comune di Pesaro, con il sostegno della Regione Marche e delle Diocesi di Pesaro, Fano e Urbino.

La mostra nasce grazie a un protocollo d’intesa fra i Sindaci dei Comuni di Pesaro, Urbino e Fano In occasione del bicentenario della nascita di Alessandro Serpieri (1823-2023), dei centenari della nascita di Valerio Volpini (1923-2023), Ernesto Balducci (1922-2022) e don Lorenzo Milani (1923-2023), a vent’anni della scomparsa di Carlo Bo, la mostra documenta il tema della Pace attraverso le figure storiche che ne hanno vissuto e interpretato le istanze civili e politiche: Mohandas K. Gandhi, Alessandro Serpieri, Giorgio La Pira, Carlo Bo, Ernesto Balducci, don Lorenzo Milani, Valerio Volpini.          

All’interno della mostra vengono proposti interessanti materiali acquisiti dai fondi di biblioteche, fondazioni e repertori d’archivio quali manoscritti e dattiloscritti, lettere, appunti, diari, recensioni, fotografie, riviste, giornali e volumi.

Il racconto, per immagini e testimonianze, ricostruisce il tempo e i convegni internazionali sulla Pace organizzati dal 1952 a Firenze da La Pira, a cui si affiancherĂ  Ernesto Balducci, le iniziative editoriali e le pubblicazioni dedicate agli uomini di Pace (La Pira, Gandhi, Francesco d’Assisi), la presa di posizione a favore dell’obiezione di coscienza al servizio militare, le denunce per apologia di reato a Giorgio La Pira e il processo a Balducci e a don Milani, l’avvento del Concilio Vaticano II e la svolta sulla grande questione della “Pace internazionale”, fino alle posizioni e al magistero culturale di Carlo Bo.

Commenti

Comments are closed.