Un Tempio di Giove emerge dagli scavi archeologici a Suasa

Castelleone di Suasa (An) 17 luglio.- Saranno presentati giovedi 18 luglio, dai professori e dagli studenti dell’Università di Bologna, i risultati della campagna di scavo avviata il 1 luglio scorso nell’area Archeologica della Città Romana di Suasa ( risalente al III secolo avanti Cristo). Lo rende noto il Consorzio che gestisce l’antico sito urbano.

Gli scavi  si sono concentrati nell’area prospicente l’edificio del “Tappatino”, casolare risalente al Cinquecento, fatto erigere da Ottaviano Volpelli, emissario dei Principi Ruspoli, proprietari dei terreni della zona.

“L’idea che il casolare fosse stato fatto costruire sui resti del foro della città – si legge in una nota – ha trovato conferma durante le indagini, che hanno portato in luce una struttura su alto podio, realizzato in conglomerato con paramento in laterizi e conci di calcare, che si raccordava con l’antico piano di campagna per mezzo di una gradinata, ancora conservata. L’edificio, presumibilmente un tempio rivestito in marmo, potrebbe risalire alla prima epoca imperiale (la medesima tecnica costruttiva è riscontrabile nel vicino anfiteatro) e, come prima ipotesi, potrebbe essere identificata come Tempio di Giove. Infatti, secondo Vincenzo Maria Cimarelli, storico e frate domenicano, alla sua epoca erano visibili vari resti della Città Romana di Suasa, fra cui il teatro e il tempio di Giove.”

Giovedi a Castelleone verrà presentata , inoltre la programmazione di “InSuasa2019”, dalla viva voce dei direttori artistici, Filippo Mantoni e Michele Nardi, accompagnata da alcuni “frammenti” tratti dalle Metamorfosi di Ovidio. InSuasa, giunta ormai alla 3^ edizione, è la rassegna teatrale estiva che l’Amministrazione Comunale organizza insieme al Centro Teatrale Senigalliese e che si svolgerà nei giorni 26, 27 Luglio e 2, 3 Agosto, ore 21,15, presso l’Anfiteatro Romano di Suasa.

Commenti

Comments are closed.